La vaschetta della felicità

Avete presente quei giorni bui in cui ti alzi dal letto e non sai che hai, non lo sai proprio, sai solo che l’unica cosa che vorresti (a parte la nostra macchinetta del caffè già menzionata qui -> Buongiorno! (oppure no!?) <-) è oziare a letto tutto il giorno?
Bene, sappiamo tutte che non possiamo.
Perché dobbiamo andare a lavoro, o uscire, o (nel mio caso) a sistemare casa, mandare cv online e ricavare qualche interview.
La prima cosa che facciamo al mattino è inevitabile: spegniamo la sveglia/prendiamo il telefono einiziamoanavigare. 
Whatsapp, eMail, Twitter, Facebook.. e chi più ne ha più ne metta.


Tante finestre sul mondo!
Sì, perché è questo che facciamo. Ci svegliamo e bombardiamo il nostro cervello di informazioni nuove. Come se, poveretto, non avesse già abbastanza da fare con le nostre ansie.
E’ il modo recente di tenersi aggiornati con il mondo, considerando che i telegiornali non sono attendibili e bombardano solo di notizie negative.
#Cheansia.
Fanno quasi passare la voglia di vivere.
Forse sono queste le reali intenzioni.. Mh. Ne parlerò in un altro post.
Sui social almeno possiamo cibarci anche di notizie positive: compleanni, foto di persone felici, foto di persone che fanno finta di essere felici perché si sono appena lasciate (è lo step 3 #senonsbaglio), lauree, matrimoni, frasi a effetto, aforismi scritti da gente che non sa neanche il vero significato di quello che scrive. Ma alla fine fa piacere.
Troviamo foto di dolci e di cibo (cosa che di per sé mette di buon umore), troviamo foto di modelle e modelli (cosa che di per sé mette di buon umore.. prima di buttarci nello sconforto perché.. dov’è finito il nostro punto vita!?) e foto di animaletti dolci e teneri con occhioni giganti.
..e l’uscita di POKéMON GO!!!

Sono giorni che provo a giocarci. Dal 5 luglio, per l’esattezza.
Ho provato prima a scaricarlo sul mio #Samsung S3 Neo, ma non era disponibile.
Poi, dopo che mi hanno rubato il tel sulla metro (grazie, a proposito, davvero. Non vedevo l’ora di perdere tutti i contatti in rubrica. Ma lo userete tanto, certo. F*****O bestie, tanto l’ho bloccato e aveva il Pin. Tiè. (Sempre grazie al mio Matt).
Allora cerchi di vedere il lato positivo, magari sul tel che il tuo amore aveva trovato qualche tempo fa nel giardino sotto casa, riesci ad installare il gioco che desideri con tutta te stessa.
#Corcavolo.
Ormai sull’orlo della depressione, sconsolata e piagnucolante seduta al tavolo, il tuo fidanzato “maestoso e meraviglioso come un Charizard in volo”, ti passa il suo iPhone dove si sta scaricando il giochino, SOLO PER TE!!! #thatsamore.
Ma mentre tutti trovano pokémon ovunque, (cosa che sai sempre attraverso i social) sembra che tu abbia indossato un repellente.
#Vabbè.

Anyway, tornando a discorsi più seri, perché mi rendo conto che può non interessarvi (lavitaèingiustaconmeiovolevogiocareapokémon), ho trovato le vaschette di gelato.
Non quelle normali, no. Non quelle della Cartè D’or tipo.
No. Quelle dei film. *____*
LE Vaschette!!! Cioè. Ne vogliamo parlare?
210025oreo1ltub3dengNon so perché non pensiamo che esistano.
Non so perché le limitiamo al mondo dei media e dei film.
Queste vaschette SONO la Felicità.
Il gusto che si prova nell’immergere il cucchiaino all’interno della “tazza di cartone” (che è grandezza mano, #parliamone. La tieni in maniera comodissima e non ti congela la mano dedita a sostenerla mentre con l’altra affondi il cucchiaino.)
Ragazze.. Queste vaschette sono contro il cattivo umore.
#SulSerio.

Se hai i lacrimoni che vengono giù, senza sapere il motivo (perché coraggio, siamo donne, succede a tutte noi un po’ sensibili) o magari sapendo benissimo il motivo, o magari immaginandolo ma non accettandolo.. bè, questa vaschetta ha il #potere. 
Non so, probabilmente devo studiare le reazioni chimiche che avvengono all’interno del nostro corpo quando le papille gustative vengono a contatto col sapore (delizioso tra l’altro)..
..o i neuroni e gli input che partono quando affondiamo il cucchiaino dolcemente nella cremosità del gelato..
..o quando lo vediamo risalire verso la nostra bocca e la magia sta per compiersi.

Lo abbiamo visto milioni di volte nelle serie televisive e nei film.
Lo abbiamo letto nei libri.
Il gelato (soprattutto in questa vaschetta) ha un potere antidepressivo. E funziona.
Come la nutella.
Solo che dopo la nutella ti senti più in colpa. (E’ più corposa, è più densa, senti di più che è pesante).
Questa vaschetta puoi finirla senza neanche rendertene conto. Cucchiaino dopo cucchiaino.
Le lacrime scompariranno (non per la concentrazione del mangiare, giuro).
Non so, quando l’ho vista mi sono illuminata!
Poi con Matteo abbiamo deciso di affogarla nel caffè ed è venuta una cosa sublime.
Cioè. #Parliamone.
No, meglio non parlarne. 
Anzi, ora smetto. Perché ho iniziato a scrivere questo post per evitare di scendere a comprare questo gelato maledetto.
E’ assurdo come si possa ritrovare il buon umore mangiando.
Solo mangiando. 
E pensare che spesso quando siamo tristi il nostro corpo rifiuta il cibo.
Sta male la mente deve stare male anche il corpo.
Che masochiste.

Fate come nei film: aprite una #vaschettadellafelicità e asciugate gli occhioni.
E’ concesso a tutti di crollare. Siamo esseri umani.
Tante volte le preoccupazioni ci assalgono e hanno la meglio.
Tante volte abbiamo la meglio noi.
Ma quando si incrina qualcosa e il fiume straripa, possiamo affidarci al #metodoBridget.
ABRUTIRSI. Lasciarsi andare, ogni tanto fa bene. Sfogarsi è catartico.
Dedichiamoci del tempo. Coccoliamoci.
Concediamoci cose che di solito non ci concediamo perché abbiamo sempre fretta e “non c’è mai tempo.”
Piazziamoci nella vasca con oli profumati e con tante candele intorno.
..oppure.. piazziamoci sul divano con il nostro peluche (..non ci credo che non ne avete uno. E se non ce l’avete, uscite a comprarvelo o fatevelo regalare. E’ #fondamentale. Anche se anche trovare il Peluche perfetto può essere arduo come trovare la tazza perfetta -> Dalla Tazza della colazione alla Vita: scelte.<-) e un bel film strappalacrime (che anche se non sarà strappalacrime ve le strapperà ugualmente) o la vostra serie televisiva.
Cuscinoni intorno, dobbiamo stare comode. (Se è estate suggerisco l’aria condizionata…)
..e..
La nostra bella vaschetta di gelato. 

Che presto, una volta che l’avrete provata, identificherete anche voi come: La vaschetta della Felicità.

Lo giuro, funziona!
#passoechiudo

A.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s